il bello in ogni giorno

Ogni nuovo giorno rappresenta una nuova opportunità di crescita interiore, un’occasione per imparare e per stare meglio con se stessi. Stabilire un ordine delle priorità aiuta a capire cosa conta davvero nella propria vita. Non tutte le giornate sono uguali. Ci sono giorni più produttivi di altri, quando ci si sente meglio, più attivi ed energici, nonostante non si è riusciti a fare tutto quello che si aveva pianificato, perché qualcosa ci ha bloccato e non ci ha permesso di avanzare. Troppe volte l’urgente non lascia tempo per l’importante. Questa settimana è stata ricca, intensa e frenetica in giro per l’Italia salendo e scendendo da un treno al altro, e le ultime 7 ore sono state un vero e proprio concentrato di “corri corri” e “presto che è tardi“, ma alla fine ce l’ho fatta:

  1. perchè ho accanto persone che mi amano e che mi motivano
  2. perchè metto amore e passione in ciò che faccio
  3. perchè trovo una soluzione anzichè concentrarmi sul problema
  4. perchè credo che i nostri ricordi saranno la nostra ricchezza

 

Oggi pomeriggio ho avuto il piacere di conoscere 13 bambini vispi, dolci e sorridenti che hanno fatto la loro prima conoscenza con i telaietti da lana. Il tempo a disposizione  con loro non è mai abbastanza perchè mi piacerebbe dedicare loro il giusto tempo, conoscerli, sentire ciò che pensano.

Maestra Maestra

un gruppo sperimentava seguendo uno schema proprio ed istintivo, alterando completamente la funzione in sè del telaietto: creare una trama, una maglia, un intreccio, un tessuto… loro invece suscitando la mia curiosità e generando stupore creavano torrette di lana attorcigliando il filato ai pegs… piccole torri di controllo lanose e colorate

un altro gruppo era concentratissimo su quello che sarebbe stato il risultato finale, seguivano con gli occhi spalancati il movimento delle mani sul telaietto e ancor prima che finissi di parlare… “lo voglio fare io!” e subito si mettevano all’opera

altri ancora ripetevano una frase “non ci riesco” senza neppure provare…e allora era lì che insistevo e incentivavo a provare.

Non ci sono regole, non esiste un modo giusto o un modo sbagliato, esiste un modo diverso da un altro, esiste il mio modo, ed esiste il tuo modo, esistono dei tempi, diversi per tutti, ed entrambi quando si parla di creatività sono il modo giusto.

ARTE e CREATIVITA’ sono democratiche e tutti, tutti, possono realizzare e creare MERAVIGLIA

13087469_481375172048026_6239488150975743555_n
una piccola allieva lavora al telaietto durante il piccolo laboratorio creativo – Centro culturale Aldo Moro a San Salvo – (ch)

Bikini all’uncinetto: il must have della prossima stagione

Quest’anno pensiamoci per tempo. Perché anche se le vacanze sembrano ancora lontane, in realtà sono proprio lì, dietro l’angolo. E poi qualche settimana per fare tutte le prove che servono ci sta…

mostra vintage beach050-anteprima-400x535-203388
Dior introduce la linea a clessidra nella collezione “New Look”

Che styling, che colore, che taglia: il bikini non è per niente uno scherzo!

Lo indossiamo dal 1946, cioè da quando venne presentato per la prima volta a Parigi dall’ingegnere francese Louis Réard (1897-1984), eppure ogni volta ci danniamo per cercare quello giusto, quello che “deve” valorizzarci.

Dato che il bikini è un evergreen – lo troviamo in vetta alle classifiche anche quest’anno – l’unico scoglio consiste nell’individuare il modello che fa per noi.

Il vantaggio dell’handmade sta proprio qui, infatti: nella possibilità di realizzare esattamente quello che vogliamo, sia che si tratti di utilizzare il crochet o il cucito. O anche solo un paio di forbici.bikini_41

La scelta del bianco è solo a titolo esemplificativo, perché la nuance del cotone dovrebbe armonizzarsi con la carnagione di chi lo indossa.

Importante in ogni caso è foderare il costume. Di solito si utilizza l’elastam(la vecchia lycra). Oltre a rifinirlo per bene, si eviteranno trasparenze inopportune.